Omofobia. Gay italiano perseguitato in Ungheria, le associazioni LGBTI “il Governo intervenga”

Postato in: Europa
Tags:

76b5c25073124a08a2c66163f45089ed_18Andrea Giuliano è un ragazzo italiano gay che vive a Budapest e da un anno è perseguitato dai gruppi neo nazisti ungheresi. Ha ricevuto diverse minacce, intimidazioni, ha subito raid di squadracce che sono andate sotto casa sua e sul posto di lavoro. Vive, dopo aver manifestato al Pride di Budapest impugnando una bandiera che sbeffeggiava uno di questi gruppi violenti, in un incubo, ha perso il lavoro, è ospitato in case diverse, è giustamente preoccupato e spaventato. A giugno dovrà subire un processo intentato dai suoi persecutori per “diffamazione”, mentre per la sua denuncia nei confronti dei gruppi neo nazisti il processo non è stato istruito.

Le associazioni lgbt italiane chiedono che il Governo italiano intervenga urgentemente nei confronti di quello ungherese, affinché l’incolumità di Andrea sia garantita. In Ungheria il premier Viktor Orbàn si è distinto per le sue leggi e campagne xenofobe e razziste, l’Ue sta svolgendo diverse indagini sulla violazione dei diritti umani in quel paese, per tutto questo noi pensiamo che il nostro Governo debba agire in modo risoluto e chiaro.

Ci attendiamo risposte tempestive ed efficaci e soprattutto una concreta solidarietà del nostro Paese nei confronti di un nostro cittadino in reale pericolo.

Agedo
Arcigay
ArciLesbica
Associazione Radicale Certi Diritti
Equality Italia
Famiglie Arcobaleno
Mit

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Articoli correlati:

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options