Appello di giuristi e docenti universitari: il Parlamento è libero di decidere sul matrimonio egualitario. Nessun ostacolo da Costituzione e Corte costituzionale

Comunicato stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti

Roma, 20 settembre 2012

Da tempo circolano interpretazioni infondate delle sentenze della Corte costituzionale e della stessa Carta, volte a sostenere l’ipotesi che in Italia ci sia un blocco a livello costituzionale nell’estendere l’istituto matrimoniale anche alle coppie formate da persone dello stesso sesso.

Questa interpretazione è infondata: né la Costituzione né le sentenze dell’Alta Corte contengono limitazioni al pieno accesso all’istituto del matrimonio civile da parte delle coppie formate da persone dello stesso sesso. Al contrario la sentenza n. 183 del 2010 è molto esplicita nel sollecitare il Parlamento italiano a legiferare sulla materia.

Questo è il contenuto dell’appello promosso dall’Associazione Radicale Certi Diritti e redatto dalla professoressa Marilisa D’Amico, dell’Università di Milano. L’appello è già stato sottoscritto da 18 docenti universitari.

IL TESTO DELL’APPELLO e L’ELENCO DEI FIRMATARI >>>

I giuristi e i docenti universitari che vogliono aderire all’appello
possono farlo scrivendo a info@certidiritti.it

È la prima volta che passi di qua?

Siamo un’associazione che si occupa di libertà sessuali, fuori da ghetti e stereotipi. Non pensiamo di essere una minoranza semplicemente perché ci occupiamo delle libertà di tutti: anche delle tue. Se ti è piaciuto quello che hai letto, torna più spesso: abbiamo tante cose di cui ci occupiamo da raccontarti. Tutte queste cose le facciamo solo grazie a chi ci sostiene. Puoi farlo anche subito.

Dona ora

Vuoi dare una mano?

Iscriviti a Certi Diritti per un anno. Sono 50 euro spesi bene. Per la tua libertà e quella di tutte e tutti. Troppi? Puoi anche donare 5 euro al mese.

Iscriviti

Chi te lo fa fare?

Di darci dei soldi per portare avanti quello che facciamo già adesso senza chiederti nulla? Nessuno: però se nessuno dona o si iscrive per sostenere i costi delle nostre attività, queste attività non si faranno. E saremo tutti un po’ meno liberi e con meno diritti.

Dona ora

Newsletter

Iniziative, appuntamenti…
Rimani in contatto!

Facebook Twitter Instagram Whatsapp