Ha inizio oggi l’11° Congresso dell’Associazione

Inizia oggi l’undicesimo congresso dell’Associazione Radicale Certi Diritti i cui lavori si terranno nella sede di Radicali Italiani di via Bargoni 40 a Roma.

Nella giornata di oggi saranno protagoniste le strategie per arrivare a una riforma egualitaria del Diritto di famiglia in un panel che vedrà la partecipazione dell’ex presidente del Tribunale dei minori Melita Cavallo, Filomena Gallo dell’Associazione Luca Coscioni, Marilena Grassadonia e Angelo Schillaci di Famiglie Arcobaleno.

I lavori proseguiranno fino a domenica con la presenza domani di Emma Bonino e di numerosi ospiti italiani e internazionali che animeranno il dibattito sui fronti di lavoro dell’associazione radicale: i diritti LGBTI nel mondo, l’autodeterminazione delle persone intersex, il diritto d’asilo per i migranti LGBTI all’indomani del decreto Minniti, il diritto all’identità delle persone transessuali e la promozione della profilassi pre esposizione per il contrasto all’HIV. Il programma competo è consultabile sul sito di Certi Diritti http://www.certidiritti.org/xi-congresso/

In un mondo sempre più segnato dall’ascesa dei populismi e degli autoritarismi – dice il segretario Leonardo Monaco – la sessualità e l’integrità dei corpi e degli affetti sono sempre più al centro delle rivendicazioni per i diritti civili e politici di tutte e di tutti. Diamo oggi il via a tre giorni di dibattito aperti a tutti per strutturare insieme le battaglie che porteremo nell’arena politica, nelle corti e nei fori internazionali

.

È la prima volta che passi di qua?

Siamo un’associazione che si occupa di libertà sessuali, fuori da ghetti e stereotipi. Non pensiamo di essere una minoranza semplicemente perché ci occupiamo delle libertà di tutti: anche delle tue. Se ti è piaciuto quello che hai letto, torna più spesso: abbiamo tante cose di cui ci occupiamo da raccontarti. Tutte queste cose le facciamo solo grazie a chi ci sostiene. Puoi farlo anche subito.

Dona ora

Vuoi dare una mano?

Iscriviti a Certi Diritti per un anno. Sono 50 euro spesi bene. Per la tua libertà e quella di tutte e tutti. Troppi? Puoi anche donare 5 euro al mese.

Iscriviti

Chi te lo fa fare?

Di darci dei soldi per portare avanti quello che facciamo già adesso senza chiederti nulla? Nessuno: però se nessuno dona o si iscrive per sostenere i costi delle nostre attività, queste attività non si faranno. E saremo tutti un po’ meno liberi e con meno diritti.

Dona ora

Newsletter

Iniziative, appuntamenti…
Rimani in contatto!

Facebook Twitter Instagram Whatsapp