Berlusconi per i diritti LGBTI: Ottima notizia, si iscriva a Certi Diritti e sostenga il matrimonio egualitario, unica vera riforma liberale

Postato in: Matrimonio egualitario
Tags:

Silvio-BerlusconiSilvio Berlusconi ha dichiarato che “Quella per i diritti civili degli omosessuali è una battaglia che in un paese davvero moderno e democratico dovrebbe essere un impegno di tutti». Ottima notizia che riapre il dibattito su una destra laica e liberale in questo Paese, ma gli annunci provenienti da destra e manca hanno stancato, è tempo di concretezza. Renzi propone un passo nella giusta direzione – soprattutto per la proposta di istituti multipli anche aperti alle coppie di fatto eterosessuali oltre al nuovo istituto riservato alle coppie dello stesso sesso – che però, facendo un parallelismo iperbolico con la vicenda storica degli afroamericani, farebbe passare l’Italia da un regime schiavista a uno segregazionista dove ad essere riservati ad alcuni cittadini non sono più le scuole e i posti sull’autobus, ma gli istituti giuridici e il discrimine non sarebbe più il colore della pelle, ma l’orientamento sessuale. Certo passare da una condizione di totale esclusione a una di «segregazionismo giuridico» è un passo avanti, ma una riforma liberale è tutt’altra cosa. Cameron nel Regno Unito lo ha capito, Berlusconi saprà fare altrettanto?

Yuri Guaiana, segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti, dichiara: «Che dalla batosta europea e dalla crisi di Forza Italia possa riprendere forza la promessa, tradita nel 1994, di una destra liberale? Speriamo, questo Paese ne avrebbe molto bisogno. Invitiamo Silvio Berlusconi a iscriversi all’Associazione Radicale Certi Diritti e a dare concretezza alle sue parole sostenendo il lavoro di chi da anni si impegna per l’unica vera riforma liberale su questi temi: una riforma complessiva del diritto di famiglia che apra l’istituto del matrimonio civile anche alle coppie formate da persone dello stesso sesso e introduca nel nostro ordinamento giuridico istituti, aperti a tutti, alternativi al matrimonio e più flessibili come Unioni libere, Intese di solidarietà e Comunità intenzionali. Dopo vent’anni di politiche omofobe, le parole non bastano: Forza Italia presenti una proposta di legge in questo senso, noi possiamo aiutarli a stenderla, oppure, il Presidente della Commissione Giustizia in Senato, il forzista Nitto Palma, metta subito in discussione i disegni di legge sul matrimonio egualitario già depositati in Senato. Se i parlamentari di Forza Italia li sostenessero, una maggioranza ci sarebbe e l’Italia avrebbe la sua prima grande riforma liberale dopo quella del diritto di famiglia nel 1975».

Comunicato stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Articoli correlati:

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options