Certi Diritti condanna la strisciante omofobia delle mozioni presentate e approvate in alcuni Comuni del Nord Est

Postato in: Politica
Tags:
Dopo lo sventato tentativo a Trento, una mozione delirante contro il matrimonio ugualitario e i diritti delle persone LGBTI è stata approvata al comune di Cassola, in provincia di Vicenza, ed è stata presentata al comune di Bassano del Grappa, sempre in provincia di Vicenza.
Il documento fa strage in un sol colpo dei principali trattati sui diritti umani, della costituzione italiana e di una vasta giurisprudenza nazionale e internazionale per cui esistono vari tipi di famiglie, tutte egualmente degne di protezione, e per cui anche le persone omosessuali e transessuali hanno diritto alla vita famigliare.
Tra tutte le citazioni possibili basta riferirsi alla sentenza della Corte Costituzionale n. 138/2010 per la quale «L’art. 2 Cost. dispone che la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Orbene, per formazione sociale deve intendersi ogni forma di comunità, semplice o complessa, idonea a consentire e favorire il libero sviluppo della persona nella vita di relazione, nel contesto di una valorizzazione del modello pluralistico. In tale nozione è da annoverare anche l’unione omosessuale, intesa come stabile convivenza tra due persone dello stesso sesso, cui spetta il diritto fondamentale di vivere liberamente una condizione di coppia, ottenendone – nei tempi, nei modi e nei limiti stabiliti dalla legge – il riconoscimento giuridico con i connessi diritti e doveri».
Per il comune di Cassola invece la famiglia è solo ed esclusivamente quella fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, con buona pace di conviventi (etero o omosessuali), famiglie monogenitoriali o omogenitoriali.
Yuri Guaiana, segretario dell’Associazione Radicale Certi Diritti, dichiara: “La furia omofoba del documento arriva, come sempre accade, a voler travolgere i diritti di tutti auspicando l’esclusione di affidamento e adozione per conviventi e single, a prescindere dal loro orientamento sessuale. Questa strisciante omofobia che confonde persino orientamento sessuale e genere dimostrando un’abissale ignoranza va stroncata sul nascere da tutte le forze liberali di questo paese”.
Comunicato stampa dell’Associazione Radicale Certi Diritti.
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Articoli correlati:

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options