Giovanardi va all'Ikea (età di lettura: da 3 anni in su)

Sul blog vogliosposaretizianoferro.it una lettera aperta di Andrea Bordoni a Giovanardi, che anche voi potete inviare al Sottosegretario scrivendo a [email protected]

Sul blog vogliosposaretizianoferro.it Andrea Bordoni parla delle dichiarazioni di Giovanardi contro la campagna pubblicitaria dell’IKEA “Siamo aperti a tutte le famiglie”, invitando il senatore a leggere un libro per bambini con le finestrelle intitolato “Tante famiglie tutte speciali”, che gli è stato inviato come regalo. Nel libro vengono illustrate ai più piccoli tante tipologie di famiglia, comprese quelle formate da due papà o due mamme, o da single con figli.

Il blog inoltre invita i lettori a spedire una mail a Giovanardi in cui lo si invita ad aprire e leggere il libro. Ecco la lettera.

Gentile Sen. Carlo Giovanardi,
in questi giorni, come molti italiani, non ho potuto fare a meno di apprendere dai giornali la sua vibrante presa di posizione contro la bella campagna pubblicitaria dell’Ikea, che apre le porte a tutte le famiglie, di qualsiasi tipologia. Il fatto che io pensi che la campagna sia bella e intelligente non ha niente a che fare col sogno che ho fatto l’altra notte, in cui il cartellone si animava, i due ragazzi di spalle si giravano ed eravamo io e Tiziano Ferro.
Quello dell’Ikea è evidentemente marketing virale, cioè pensato in modo tale che, per un motivo o per un altro, se ne parli: pubblicità supplementare senza che l’azienda tiri fuori un centesimo. Sicuramente avrà calcolato che, contestandola, anche lei ne sarebbe diventato un veicolo, ma ha soppesato i pro e i contro e ha deciso di cogliere la palla al balzo.
Da Sottosegretario alla Famiglia senza idee altrettanto brillanti, ha pensato bene di farsi notare gridando con voce stridula e fastidiosa lo slogan contrario: “Famiglia tradizionale o morte!”. Qualcuno le avrà consigliato di uscire dal silenzio perché siamo sotto elezioni, e il suo partito è convinto che con l’omofobia si va sempre sul sicuro in quell’Italia che voi considerate ideale, quella allevata a ordini cattolici e che tollera solo le forti emozioni delle fiction di Rai Uno e Canale 5.

continua >>>

È la prima volta che passi di qua?

Siamo un’associazione che si occupa di libertà sessuali, fuori da ghetti e stereotipi. Non pensiamo di essere una minoranza semplicemente perché ci occupiamo delle libertà di tutti: anche delle tue. Se ti è piaciuto quello che hai letto, torna più spesso: abbiamo tante cose di cui ci occupiamo da raccontarti. Tutte queste cose le facciamo solo grazie a chi ci sostiene. Puoi farlo anche subito.

Dona ora

Vuoi dare una mano?

Iscriviti a Certi Diritti per un anno. Sono 50 euro spesi bene. Per la tua libertà e quella di tutte e tutti. Troppi? Puoi anche donare 5 euro al mese.

Iscriviti

Chi te lo fa fare?

Di darci dei soldi per portare avanti quello che facciamo già adesso senza chiederti nulla? Nessuno: però se nessuno dona o si iscrive per sostenere i costi delle nostre attività, queste attività non si faranno. E saremo tutti un po’ meno liberi e con meno diritti.

Dona ora

Newsletter

Iniziative, appuntamenti…
Rimani in contatto!

Facebook Twitter Instagram Whatsapp