ALCUNI DANNI DELLA RELIGIONE CATTOLICA

Postato in: Senza categoria
Tags:

altVi invio le parole che ho scritto come risposta a un amico frate francescano che mi regalava il suo appoggio morale in un brutto momento,egli è stato tanto caro ad aiutarmi,ma a un certo punto mi ha raccontato di come secondo lui sono le esperienze di vita che incidono sulla sessualità di ogni individuo.”Caro amico,devo essere sincero io credo proprio di essere nato omosessuale,ricordo benissimo che già all’età di sei anni avevo voglia di stare con i mei amichetti,amavo gli oggetti femminili,e mi piaceva essere corteggiato dai ragazzini più grandi.

Il grosso problema è che la gente non riesce a capire che la sessualità non è una scelta dovuta alle esperienze di vita ma è proprio una condizione stabilita a livello genetico sin dalla nascita,è sbagliato pure categorizzare gli individui come eterosessual,omosessuali,ecc…non è così le sessualità sono tantissime,così quanti sono gli individui adulti del mondo,la scienza è arrivata a catalogarne addirittura sette,ho scritto svariate pagine di riflessione su questo concetto e ti assicuro che in effetti ciò che gli addetti al lavoro scientifico hanno rilevato non trova nessun tipo di contrasto valido.In conclusione non esiste altro che la persona con il suo universo interiore che è poi,per assurdo,quell’infinito a cui non si riesce a dare nessuna risposta razionale,Vittorio ha delle tendenze,Emanuele altre e così via.Però è difficilissimo riuscire a trasmettere questo tipo di pensiero nel nostro Belpaese,coercitivo dal punto di vista morale a causa della religione cattolica che con le sue battaglie etiche reprime i fratelli invece di renderli liberi di volare,ma non è solo quella a incidere,infatti il nostro è un paese dove è sempre regnata la voglia il potere come status centrale,in Italia sin dai tempi della Roma antica si è sempre avuta la pretesa di voler predominare gli altri individui e il potere purtroppo oltre che a generare l’odio,costringe anche i deboli,le minoranze,e,in questo caso,ai nostri giorni,le reprime inconsciamente,ma questo concetto è troppo difficile da far accettare anche a coloro che sono vittime di questa ingiustizia,perchè è umiliante ammetterlo,crolla la dignità che spetta all’umana coscienza.”

Emanuele

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Articoli correlati:

Non ci sono ancora commenti pubblicati.

Lascia un tuo commento

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options