EeopzawX0AE098L

Polonia: il Governo italiano chieda la liberazione dell’attivista LGBTI

Ventisette associazioni hanno scritto una lettera aperta al governo italiano per chiedere che interceda per la liberazione immediata Margot Szustowicz, l’attivista non-binaria a cui sono stati dati due mesi di carcerazione preventiva per aver decorato alcuni monumenti con bandiere arcobaleno e per aver danneggiato un furgone dell’organizzazione Pro Prawo do Życia che diffondeva messaggi omofobi. Nel […]

CONTINUA A LEGGERE
operazione_trasparenza_EU

WIKI-RIGHTS, pubblicati i file riservati del Consiglio Europeo che bloccano la Direttiva antidiscriminazione della Commissione

WIKI-RIGHTS: IL 10 DICEMBRE, GIORNATA MONDIALE DIRITTI UMANI, PUBBLICATI I DOCUMENTI RISERVATI DEL CONSIGLIO EUROPEO DELL’UE. ECCO LA PROVA CHE ALCUNI PAESI, CON ARGOMENTI FITTIZI, BLOCCANO LA DIRETTIVA ANTIDISCRIMINAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA.

Certi Diritti lancia “Operazione trasparenza” sulla direttiva UE bloccata. Chiede ai governi italiano, tedesco e ceco di interrompere il boicottaggio.

CONTINUA A LEGGERE

SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA UE RAFFORZA LOTTA CONTRO DISCRIMINAZIONI

L’UE rafforza ulteriormente la protezione contro le discriminazioni previste all’articolo 13 del Trattato CE, incluse quelle basate sull’orientamento sessuale.

CONTINUA A LEGGERE

AGENZIA DIRITTI FONDAMENTALI UE: SI A MATRIMONIO GAY

L’Agenzia per i diritti fondamentali del”UE ha pubblicato ieri il rapporto sull’omofobia ,richiesto dal PE nel 2007.
"Certi diritti invita il governo italiano a seguire le raccomandazioni dell’Agenzia per i diritti fondamentali dell’Unione europea ed a riconoscere le unioni ed i matrimoni tra le persone dello stesso sesso" ha dichiarato Ottavio Marzocchi, responsabile per le questioni europee dell’associazione e membro dell’Intergruppo LGBT al PE.

CONTINUA A LEGGERE

MENTRE IL PE CHIEDE NORME ANTI-DISCRIMINAZIONI, L’ITALIA NEGA L’OMOFOBIA

MENTRE IL PARLAMENTO EUROPEO CHIEDE UFFICIALMENTE NUOVE NORME EUROPEE ANTI-DISCRIMINAZIONI,  IL GOVERNO ITALIANO NEGA L’EVIDENZA DELLA VIOLENZA OMOFOBICA PER MOTIVI IDEOLOGICI.
Comunicato Stampa dell’Associazione radicale Certi Diritti.

CONTINUA A LEGGERE
Change this in Theme Options
Change this in Theme Options