Il modello della prostituzione in Svezia è da emulare?

Postato in: Lavoro sessuale
Tags:

Articolo tratto da Economy Watch, traduzione a cura di Carlo Cargnel

 

RedLightAffermazioni selvagge sulle leggi sulla prostituzione in Svezia motivate da ‘ideologia’

Gli attivisti anti-prostituzione hanno fatto grandi dichiarazioni circa l’efficacia dell’approccio estremamente influente della Svezia alla prostituzione. Tuttavia, gli studiosi sostengono che le affermazioni sono grossolanamente esagerate e la legge ha portato i lavoratori del sesso in una condizioni di maggior pericolo.

Il modello della prostituzione della Svezia  è da emulare?

Il Distretto

Il cosiddetto ‘modello svedese’ per la prostituzione – che criminalizza l’acquisto, ma non la vendita, di servizi sessuali – viene dipinto come un esempio da emulare. I sostenitori di questo approccio predicano le sue virtù ai governi di  tutto il mondo. Esistono copie in Islanda e in Norvegia, e lo si sta valutando in Francia, Canada e Regno Unito.

Ma un numero crescente di voci si sono levate contro l’approccio svedese. I critici affermano che i suoi successi vengono esagerati  per motivi ideologici. Gli attacchi più recenti alle legge Kvinnofrid del1999 provengono dalla ricercatrice dell’Università di Malmö Charlotta Holmström. In contrasto con le rumorose affermazioni degli attivisti anti-prostituzione che sostengono che la legge ha reso i lavoratori del sesso più sicuri,  Holmström dice che sono molto più vulnerabili allo sfruttamento e alla violenza. I loro clienti criminalizzati insistono sulla scelta delle luoghi di incontro a causa della paura di essere arrestati. Ma le prostitute sono a rischio quando incontrano sconosciuti in luoghi sconosciuti.

Il professor Ronald Weitzer, un esperto di fama mondiale sulla prostituzione e autore di “Legalizzazione della prostituzione: Da vizio illecito a Business Legale” ha detto, “Non sono sorpreso dalle conclusioni della Holmström. I sostenitori della legge hanno reso molte dichiarazioni infondate da un punto di vista puramente ideologico. Uno dei suoi più grandi sostenitori è l’avvocato Gunilla Ekberg che l’anno scorso dichiar  ad una commissione dell’Irlanda del Nord che il 97% di tutte le prostitute lavora sotto costrizione. Ha tirato fuori questi dati dal nulla come un fatto non discutibile per giustificare la sua posizione ideologica. Un’altra affermazione che gli abolizionisti fanno è che la maggior parte delle prostitute entrano in attività intorno all’età di 13 o 14 anni. Ma non ci sono dati per sostenere nemmeno questo”

Uno studio britannico condotto da Marianne Hester e Nicole Westmarland ha contraddetto l’affermazione che i lavoratori del sesso iniziano tutti da giovani. I ricercatori hanno scoperto che il 20% delle prostitute intervistate ha cominciato a vendere sesso prima dei 16 anni, ma quasi la metà – il 48% – è iniziata dopo l’età di 19.

Il modello svedese è fondato sulla la convinzione che ogni forma di prostituzione sia un atto di “violenza contro le donne”. Da questo punto di vista il cliente è colpevole, ma non il venditore. La scrittrice femminista Sheila Jeffreys, per esempio, ha dichiarato categoricamente che “La prostituzione costituisce violenza sessuale contro le donne in sé per sé” Allo stesso modo, l’attivista anti-prostituzione americana Melissa Farley ha descritto la prostituzione come una “istituzione viziata” che è “intrinsecamente traumatizzante per la persona che si prostituisce “.

Weitzer mette in dubbio la validità di generalizzazioni così ampie sulla natura della prostituzione. In primo luogo egli contesta la definizione di prostituzione come violenza maschile contro le donne. “E’ inesatto, perché non tiene conto dei molti prostituti gay e transgender”, ha detto.

Sostiene inoltre che la posizione anti-prostituzione non tiene conto del fatto che molte prostitute traggono autostima dal lavoro. Un rapporto del governo australiano riporta che metà delle 82 ragazze squillo e 101 lavoratori di bordelli intervistati considerava il loro lavoro come una “grande fonte di soddisfazione”. Ben l’86% dei lavoratori di bordelli ed il 79% delle ragazze squillo nello studio concordano con l’affermazione che “Il mio lavoro quotidiano è sempre vario ed interessante”. A seguito di intervistate fatte a ragazze squillo ed escort, l’accademico Dr. Ann Lucas è giunto alla conclusione che costoro disponevano dei “mezzi finanziari, sociali ed emotivi per strutturare il loro lavoro in gran parte nei modi che meglio gli si confacevano e che consentivano loro di mantenere una salutare immagini di sé”. “In un quadro così complesso le generalizzazioni grossolane non aiutano”, ha detto Weitzer.

“Ancora una volta, le affermazioni non reggono”, ha detto Weitzer. “Stanno manipolando dei dati. Ho studiato le cifre tedesche dal 2002 e si è registrato un calo del numero di persone accusate e condannate per reati connessi alla tratta. Per quanto riguarda i Paesi Bassi, i loro dati sono un disastro. Contano insieme le vittime presunte e quelle effettive, il che rende i loro dati poco chiari. Le stesse autorità olandesi che producono la relazione annuale sulla tratta dicono che non possono trarre nessuna conclusione da quei dati. Ma quello che sappiamo da studi di criminalità organizzata suggerisce che la regolamentazione giuridica dell’industria riduce lo sfruttamento nel tempo. Eventuali aumenti della tratta traffico sono più probabili nel settore della prostituzione illegale che corre parallela ai bordelli legalizzati.“

Un’altra strategia utilizzata dai sostenitori ideologici del modello svedese è quella di fare considerazioni sulle esperienze “disastrose” dei paesi che hanno legalizzato la prostituzione, tra cui Germania e Olanda. Gli attivisti dicono che nei Paesi Bassi, dove la prostituzione è diventata legale nel 2000, la tratta è aumentata ed il benessere delle prostitute ne ha sofferto. Affermazioni simili provengono anche dalla Germania, che ha legalizzato la prostituzione nel 2002.

La ricerca di Holmström non è la primo a mettere in dubbio il modello svedese. In

“Criminalizzazione dell’acquisto di Sesso: Lezioni dalla Svezia”, il ricercatore di Cambridge Jay Levy è stato critico sulla “immeritata influenza internazionale” della legge Kvinnofrid. Il suo libro è il prodotto di 400.000 parole raccolte in interviste con i lavoratori del sesso, gli assistenti sociali, la polizia, funzionari pubblici e politici. Egli conclude che non ci sono dati affidabili che mostrino un calo della prostituzione in Svezia. Levy critica anche le autorità per non aver fornito servizi di riduzione del danno sufficienti, il che  contrasta con i dogmi dell’abolizionismo svedese.

Levy sottolinea che quando i lavoratori del sesso svedesi danno il loro parere sulla legge, essi tendono ad essere critici riguardo il suo impatto. Uno dei motivi è che vivono sotto la costante minaccia di sfratto da proprietari che sono passibili di essere accusati di sfruttamento della prostituzione se ricevono denaro da prostitute. Pye Jakobsson, co-fondatore della Rosa Alliance, organizzazione svedese dei lavoratori del sesso, ha riportato che tre di nove membri del loro direttivo sono stati sfrattati.

“Se le femministe anti-prostituzione ed i funzionari pubblici e politici fossero veramente interessati alla sicurezza delle donne,  darebbero ascolto alle donne che vendono sesso e si occuperebbero seriamente  di ci  che li potrebbe aiutare e contribuire alla loro sicurezza”, ha detto Melissa Speranza Ditmore, autrice di “Prostituzione e Lavoro Sessuale”. “Invece, i politici e le femministe anti-prostituzione non tengono conto delle esperienze dei lavoratori del sesso. Questa noncuranza alimenta politiche che mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori del sesso, e che ignorano i bisogni delle persone vittime di tratta”.

Le lavoratrici del sesso soffrono anche dell’ulteriore stigmatizzazione di essere associate alla criminalizzazione dei clienti. “Quando si criminalizza una parte in una transazione consensuale si criminalizza indirettamente anche l’altra”, ha detto Weitzer. L’aumento della stigmatizzazione dei lavoratori del sesso in Svezia si pu  dedurre dalla crescita del sostegno popolare al divieto della prostituzione che è passato dal 30% di prima della legge al 52% di oggi.

L’atteggiamento positivo dei lavoratori del sesso della Nuova Zelanda è in netto contrasto. Nuova

Zelanda ha legalizzato la prostituzione nel 2003, e le successive valutazioni del Comitato Ispettivo sulla effetti della Legge sono stati ampiamente favorevoli. “Se dovessi nominare un sistema da emulare vorrei scegliere quello della Nuova Zelanda”, ha dichiarato Weitzer.

Il Comitato è un organo inclusivo che comprende le voci dei collettivi di prostitute neozelandesi accanto a quelle della polizia, funzionari sanitari e del Ministero della Giustizia.

“Fondamentalmente, hanno concluso che il sistema sta funzionando bene. Non c’è stato alcun aumento significativo del numero di lavoratori del sesso nonostante le previsioni degli attivisti antiprostituzione che si sarebbe scatenato l’inferno. La Nuova Zelanda è un caso a sé in quanto paese

piccolo e isolato e quindi è diverso dall’Europa i cui confini sono facilmente valicabili e la migrazione proveniente dall’Europa dell’Est è comune. Ma possiamo dire che il sistema sta funzionando bene “.

I sondaggi mostrano anche che una netta maggioranza dei lavoratori del sesso della Nuova

Zelanda approvano la legge. “Si sentono più liberi di rivolgersi  alla polizia rispetto a prima del 2003. Uno degli obiettivi era quello di de-stigmatizzare il commercio del sesso ed è quello che è accaduto”, ha detto Weitzer.

La legalizzazione, egli crede, è stata anche un successo nello stato americano del Nevada, dove la prostituzione è legale e regolamentata nelle zone rurali dal 1971. “Questo ci dà 44 anni di dati e su molti aspetti è palese che ha funzionato bene” Weitzer ha detto. “Dal 1987 ci sono stati controlli HIV obbligatori e non c’è stato un solo caso di sieropositività in nessun bordello. Questo rende evidenti  i benefici della pratica rutinaria di sesso sicuro nell’ambito di un sistema regolamentato. Inoltre, c’è stata pochissima violenza e abusi. Ci sono addetti alla sicurezza in ogni bordello e le ragazze si aiutano tra di loro. Se c’è un ubriaco che disturba, si chiama la polizia e viene buttato fuori.”

Altri paesi dove la prostituzione è stata legalizzata sono giunti alla conclusione che la legalizzazione ha portato benefici. Secondo un rapporto del 2004 dal Ministero della Giustizia dei Paesi Bassi, la “grande maggioranza” dei lavoratori dei bordelli olandesi e delle vetrine “ si sentono sempre o comunque spesso al sicuro”. Nel frattempo, un importante studio sui bordelli legali nel Queensland, in Australia, condotta dalla Commissione Governativa sul Crimine ha concluso: “Non c’è dubbio che i bordelli autorizzati offrono l’ambiente di lavoro più sicuro per i lavoratori del sesso in Queensland. … I bordelli legali operanti in Queensland forniscono un modello sostenibile per un’industria di bordelli legale e sicura sia dal punto di vista sanitario che criminale. ”In ciascuno di questi sistemi, misure di sicurezza sofisticate, tra cui la sorveglianza, pulsanti di allarme e dispositivi di ascolto, consentono ai responsabili di monitorare i clienti indisciplinati.

Weitzer è meno entusiasta del sistema del Regno Unito, che permette ad una persona di operare legalmente presso un appartamento, ma definisce due persone che lavorano nello stesso luogo come un bordello illegale. “La legge britannica costringe le donne a lavorare da sole. Se c’è qualcun altro – una receptionist, un commesso, un agente di sicurezza – sarebbe molto più sicuro. Ma lavorare da solo le rende più vulnerabili. Capisco perché non vorrebbero 10 persone che operano presso lo stesso posto, ma un massimo di tre ridurrebbe i rischi che corrono i singoli”

Gli attivisti di tutto il mondo devono considerare le best practices, dice Weitzer, perché la prostituzione non sparirà.

“Le persone che pensano di poter abolirla del tutto da un qualsiasi paese vivono in un mondo dei sogni, quindi se siamo d’accordo che non pu  essere eliminata, la questione diventa il modo migliore per gestirla? La criminalizzazione di entrambe le parti o dei soli clienti porta solo a conseguenze dannose. Abbiamo bisogno di considerare le best practices, in modo che la prostituzione possa essere ben regolamentata e resa quanto più sicura sia possibile per tutte le parti. “

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Articoli correlati:

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options