Gay Cecenia: ben 26 vittime dall’inizio dell’anno. L’Italia rilasci visti alle vittime con procedura d’urgenza.

Postato in: Comunicati stampa, Transnazionale
Tags: , , , , , , , ,

Novaja-Gazeta“Novaya Gazeta, il giornale di Anna Politkovskaya, ha prodotto una lista di 26 vittime di omicidi extragiudiziali in Cecenia dall’inizio dell’anno alla Commissione investigativa che sta finalmente iniziando un indagine, anche se non di natura penale. Purtroppo però le forze dell’ordine in Cecenia stanno facendo pressione sui parenti delle vittime affinché firmino dei documenti in cui negano gli arresti dei propri famigliari gay o presunti tali e dichiarino che hanno lasciato la Cecenia di loro spontanea volontà. Secondo il Russian LGBT Network, non si hanno notizie di nuovi arresti di ragazzi gay in Cecenia, ma chi è stato arrestato durante la seconda ondata di rapimenti sarebbe ancora in carcere», afferma Yuri Guaiana, responsabile delle questioni transnazionali dell’Associazione Radicale Certi Diritti.

«L’avvio di un’inchiesta, anche se molto limitata non essendo di natura penale, e l’apparente sospensione di nuovi arresti mostrano che la pressione internazionale sta iniziando a funzionare e che occorre aumentarla ulteriormente affinché tutti vengano liberati e gli arresti non riprendano. Occorre che una missione di osservatori internazionali indipendenti venga inviata al più presto prima che tutto venga insabbiato, ma soprattutto bisogna che i paesi occidentali garantiscano il rilascio immediato di visti per i circa 40 ceceni che il Russian LGBT Network è riuscito a evacuare. La Lituania è il primo paese dell’Unione Europea ad aver accolto 2 vittime cecene, l’Italia cosa aspetta? Se ci fosse la volontà politica, basterebbero 24 ore per rilasciare il visto e portare in salvo queste persone”, conclude Guaiana.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1

Articoli correlati:

Change this in Theme Options
Change this in Theme Options